Come mettere qualcuno al suo posto senza essere scortesi

 Come mettere qualcuno al suo posto senza essere scortesi

Thomas Sullivan

Se avete bisogno di mettere qualcuno al suo posto, probabilmente siete stati vittime di aggressioni verbali. Esempi di aggressioni verbali sono:

  • Le offese
  • Critiche odiose
  • Beffa
  • Sarcasmo
  • Giudizio
  • Osservazioni crude
  • Parlare con tono condiscendente
  • Urlare
  • Linguaggio offensivo
  • Minacce
  • Violazione di diritti, spazi e confini

Tutti questi comportamenti sgarbati vi fanno sentire aggrediti e, poiché gli esseri umani sono programmati per mantenere il loro status e il loro rispetto, sentite il bisogno di difendervi e di mettere l'aggressore al suo posto.

Ma, come probabilmente avrete sperimentato, in questo modo la situazione si aggrava e peggiora per entrambe le parti: lungi dall'essere in grado di mantenere la vostra dignità, vi mostrate aggressivi ed emotivi.

Pertanto, saper mettere qualcuno al suo posto senza far degenerare la situazione è un'abilità sociale fondamentale.

Stili di comunicazione

Quando qualcuno si comporta in modo aggressivo nei vostri confronti, avete tre modi per rispondere:

1. In modo aggressivo

Si risponde al fuoco con il fuoco, con lo stesso livello di aggressività o addirittura con un livello maggiore. Rispondere all'aggressività con l'aggressività funziona perché le persone, come molti altri animali, sono sensibili alla dominanza e all'intimidazione.

Rispondere all'aggressione con l'aggressione comunica:

"Ti farò del male se tu farai del male a me".

Nessuno vuole essere danneggiato e quindi si fa da parte.

Ma è probabile che non si tirino indietro perché sono aggressivi anche loro, altrimenti non vi avrebbero fatto del male. Invece, attaccheranno a loro volta. Quindi, rispondere all'aggressione con l'aggressione di solito fa degenerare la situazione.

2. Passivamente

Rispondere passivamente all'aggressione significa non fare nulla. Le persone passive o sottomesse hanno difficoltà a farsi valere, quindi tendono a farsi calpestare.

Non amano essere calpestati, come qualsiasi altro essere umano, ma non osano fare nulla per evitarlo; di conseguenza, subiscono notevoli colpi alla loro autostima e rischiano di diventare passivi-aggressivi.

Come si può notare, questi stili di comunicazione non sono altro che le risposte di "lotta" e "fuga" alle minacce sociali. Di fronte a una minaccia sociale, la maggior parte delle persone si comporta in modo aggressivo o passivo.

3. Assertivamente

C'è una terza risposta all'aggressione che poche persone sono in grado di eseguire: chi risponde in modo assertivo si fa valere senza calpestare i diritti degli altri.

Non è facile da fare e richiede molta consapevolezza, pratica e autocontrollo.

Una persona assertiva non ha alcun desiderio di vendetta: il suo unico obiettivo è salvaguardare i propri diritti. Una persona aggressiva, al contrario, cerca di vendicarsi intimidendo e mettendo l'altro al suo posto.

Chi vuole mettere l'altro al suo posto senza essere scortese vuole vendicarsi, ma in modo sicuro; vuole dare una lezione all'aggressore, ma in modo da non far degenerare la situazione.

Forse non vogliono far assaggiare agli altri la loro stessa medicina (l'aggressività), ma vogliono lasciare l'amaro in bocca.

Vogliono smorzare la loro aggressività quel tanto che basta per lasciare un impatto, e l'altra persona può a malapena fare qualcosa, perché l'impatto è basso, ma non abbastanza da non pizzicarla.

Guarda anche: Il mio ex ha voltato pagina immediatamente, cosa devo fare?

Naturalmente, questo è ancora più difficile da realizzare rispetto all'assertività e richiede abilità sociali di livello divino.

L'arte della non aggressività

Prima di decidere di intervenire su una persona aggressiva, bisogna essere sicuri che lo sia davvero. A volte non c'è dubbio che stia violando l'utente, ma altre volte non è chiaro.

Le persone che hanno subito un trauma, ad esempio, tendono a percepire in modo eccessivo le minacce sociali, ovvero a ipotizzare un'aggressività che non esiste.

Se siete ragionevolmente sicuri che l'altra persona si stia comportando da idiota e volete metterla al suo posto senza arrivare a un'escalation, ecco alcune idee:

1. Ignorare completamente

Questa tattica funziona meglio con gli estranei e con le persone a cui non si tiene molto. Ci sentiamo feriti quando degli estranei a caso sono cattivi con noi. Le persone si preoccupano delle persone in generale. Ma, ovviamente, non si tiene a un estraneo come si tiene a un membro della famiglia.

Un estraneo che si comporta in modo scortese con voi non merita il vostro tempo e la vostra attenzione nella maggior parte dei casi. Ignorandolo completamente e facendo finta che non esista, lo mettete immediatamente al suo posto.

Questa tattica funziona anche con le persone vicine, ma in questo caso può essere troppo rischiosa: non volete dare loro l'impressione che non vi interessi la loro esistenza.

2. Mantenere la calma

Se vi arrabbiate, è probabile che siate aggressivi; se avete paura, è probabile che siate passivi. Per essere assertivi e metterli sottilmente al loro posto, dovete controllare le vostre emozioni.

So che si continua a consigliare di mantenere la calma quando si è provocati. È un consiglio valido, ma difficile da mettere in pratica. Dobbiamo fare qualche gioco mentale. Vi darò un modello mentale per aiutarvi a praticarlo:

Per prima cosa, capite che farvi emozionare e agitare è probabilmente una tattica di manipolazione. La persona che cerca di suscitare le vostre emozioni sta probabilmente cercando di controllarvi. Se vi fa sentire nel modo in cui vuole farvi sentire, può farvi fare quello che vuole.

In secondo luogo, alcune persone, come i narcisisti e i sociopatici, possono semplicemente trarre piacere dall'ottenere una reazione emotiva da parte vostra.

Immaginate che abbiano il telecomando delle vostre emozioni, che si siedano sul divano, che cambino canale e che si divertano con le vostre reazioni emotive mentre voi siete alla TV.

Sei un essere umano e non un televisore. È ora di strappargli il telecomando per impedirgli di premere i tuoi tasti.

3. Filtrare le emozioni

Il motivo per cui è così difficile evitare di essere aggressivi quando si è provocati è che l'aggressività, soprattutto quella verbale, è carica di emozioni.

Reagiamo emotivamente alle aggressioni emotive.

Per esempio, potreste confondervi se qualcuno vi dice qualcosa di accondiscendente senza quel tono di accondiscendenza. Probabilmente discutereste se si tratta di accondiscendenza o meno.

Ma una cosa neutra detta con tono accondiscendente viene quasi sempre percepita come accondiscendente, perché sono il tono e gli altri segnali non verbali a veicolare le emozioni e a suscitare emozioni in noi.

Quindi, filtrare mentalmente le emozioni dell'altro può essere un ottimo modo per non rispondere in modo aggressivo a una provocazione.

Un modo per mettere qualcuno al suo posto in modo educato è quello di affrontare il messaggio piuttosto che il modo in cui viene trasmesso. Se ignorate completamente il modo in cui viene trasmesso e trovate difetti logici nel contenuto del messaggio, metterete l'altra persona al suo posto.

Dicendo cose come "Non sono d'accordo" o "Questa è la tua opinione" con un tono emotivamente piatto, si elimina l'assalto emotivo e si affrontano i fatti.

Non c'è niente che possano fare se non sono d'accordo con te. Non è un attacco, quindi non possono contrattaccare. Lascia un sapore amaro in bocca per cui non possono fare nulla.

4. Usare l'arguzia e le battute di risposta

Le rimonte sono efficaci perché sono inaspettate e scioccano l'aggressore. Permettono di colpire senza far degenerare la situazione. Poiché l'aggressore non sa come reagire alla vostra rimonta, viene messo al suo posto.

Alcune persone sono naturalmente spiritose e sanno rispondere bene. Potete ascoltarle e imparare come pensano.

L'uomo nella clip qui sotto sapeva che probabilmente sarebbe stato messo alla berlina nello show. In un'intervista ha ammesso di aver studiato le battute e la comicità per prepararsi. Di conseguenza, ha completamente annientato il conduttore:

Guarda anche: Perché sogniamo ad occhi aperti (spiegazione)

Bisogna fare attenzione alle risposte, perché possono essere avvilenti e quindi aggressive. A meno che non si stia combattendo il fuoco con il fuoco, ovviamente. Tutto è lecito in amore e in guerra.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.