Linguaggio del corpo del contatto visivo (perché è importante)

 Linguaggio del corpo del contatto visivo (perché è importante)

Thomas Sullivan

In questo articolo esamineremo il linguaggio del corpo del contatto visivo, ovvero come le persone usano gli occhi per comunicare tra loro.

Gli occhi sono stati giustamente descritti come finestre dell'anima, perché comunicano così tante informazioni che le parole pronunciate sembrano talvolta una facoltà superflua nel nostro repertorio comunicativo, causando solo maggiore confusione e incomprensione.

Gli occhi, invece, trasmettono ciò che vogliono trasmettere molto chiaramente in un misterioso linguaggio universale che ogni persona al mondo capisce.

Contatto visivo

Prima di tutto, perché guardiamo quello che guardiamo? Se ci pensate, non è esagerato dire che guardiamo dove vogliamo andare. In altre parole, guardiamo dove la nostra mente vuole che andiamo.

Il contatto visivo ci permette di interagire con il mondo. Qualsiasi cosa facciamo con ciò che ci circonda richiede che prima valutiamo la cosa con cui vogliamo interagire.

Se si entra in una stanza piena di persone e si inizia a parlare senza guardare nessuno in particolare, tutti si confondono e alcuni chiamano addirittura i professionisti della salute mentale.

Un contatto visivo corretto con l'interlocutore fa capire che si è sinceramente interessati a conversare con lui, oltre a dimostrare rispetto e fiducia. La fiducia è dovuta al fatto che di solito evitiamo di guardare qualcosa di cui abbiamo paura. Ecco perché i timidi hanno difficoltà a stabilire un contatto visivo.

Vediamo ciò che vogliamo coinvolgere

Se una persona vi guarda più spesso di quanto faccia con gli altri membri del gruppo, significa che sta interagendo di più con voi o che vuole interagire di più con voi. Si noti che questa interazione può essere positiva o negativa.

Una persona che vi guarda a lungo può essere interessata a voi o avere un atteggiamento ostile nei vostri confronti. L'interesse la spingerà a compiacervi, mentre l'ostilità la spingerà a farvi del male. Fissiamo le persone che ci piacciono o quelle con cui siamo arrabbiati.

Concentriamoci su ciò che ci piace

Quando si tratta di segnalare un interesse, non c'è niente di meglio che gli occhi e i gemelli titillanti sopra il naso hanno da sempre affascinato e catturato poeti, drammaturghi e scrittori romantici.

Come già detto, la persona interessata a voi di solito vi guarderà più spesso degli altri e i suoi occhi brilleranno nel vedervi.

Quando vediamo una persona che ci piace, i nostri occhi si lubrificano per far sì che l'altra persona ci trovi attraenti. Le loro pupille si dilatano per far entrare più luce in modo che possano ammirarvi nel modo più completo e totale possibile.

Quando dicono qualcosa di interessante o divertente, vi guardano per verificare la vostra reazione. Questo avviene solo con le persone con cui siamo in intimità o, come in questo caso, con quelle con cui stiamo cercando di entrare in intimità.

Bloccare qualcosa alla vista

È vero anche il contrario di quanto abbiamo discusso finora: se guardiamo le cose che ci piacciono o con cui vogliamo interagire, blocchiamo dalla nostra vista anche quelle che non ci piacciono o con cui non vogliamo interagire.

Il modo più ovvio per farlo è semplicemente distogliere lo sguardo da qualcosa. Fare un'inversione di marcia indica il nostro disinteresse, la mancanza di preoccupazione o un atteggiamento negativo nei confronti di quella cosa.

Tuttavia, distogliere lo sguardo non sempre significa evitare il contatto visivo. Spesso una persona distoglie lo sguardo durante una conversazione per migliorare la chiarezza del pensiero, perché guardare il volto di qualcuno mentre si parla può essere fonte di distrazione. In caso di dubbio, è necessario considerare il contesto della situazione.

Il modo meno ovvio in cui blocchiamo qualcosa di sgradevole dalla nostra vista è sbattere gli occhi in modo prolungato o quello che è noto come "battito delle palpebre". Il battito prolungato delle palpebre è un tentativo da parte del subconscio di una persona di bloccare segretamente qualcosa dalla vista.

Guarda anche: Come smettere di essere salati

Se una persona si sente in qualche modo a disagio in una situazione, può sbattere rapidamente gli occhi. Questa mancanza di comfort può essere il risultato di qualsiasi cosa: noia, ansia o disinteresse, tutto ciò che provoca in noi sensazioni spiacevoli.

Guarda anche: La psicologia degli ultimatum nelle relazioni

È comune vedere le persone che aumentano la frequenza degli ammiccamenti quando mentono o dicono qualcosa di scomodo. Le persone bloccano anche gli altri dalla vista se li guardano dall'alto in basso. Chiudere gli occhi dà loro un'aria di superiorità, in quanto rimuovono la persona spregevole dalla loro vista.

Ecco perché le espressioni "Sparisci!", "Ti prego, smettila!", "È ridicolo!", "Che cosa hai fatto?" sono spesso accompagnate da uno strabismo o da una breve chiusura degli occhi.

Socchiudiamo gli occhi anche quando non capiamo qualcosa ("non 'vedo' quello che vuoi dire"), quando ci concentriamo intensamente su una singola cosa (eliminando ogni altra cosa dalla vista o dalla mente) e persino quando sentiamo voci, suoni o musica che non ci piacciono!

In presenza di luce solare intensa, strizziamo gli occhi per far entrare la giusta quantità di luce negli occhi, in modo da poter vedere bene; non c'è nulla di psicologico in questo.

Occhi dardeggianti

Quando ci sentiamo insicuri in una determinata situazione, desideriamo naturalmente sfuggirvi. A tal fine, dobbiamo innanzitutto distogliere lo sguardo per cercare una qualsiasi via di fuga disponibile. Ma poiché distogliere lo sguardo è un segno evidente di disinteresse e segnala chiaramente il nostro desiderio di fuga, cerchiamo di sabotare il nostro tentativo di cercare vie di fuga non distogliendo lo sguardo.

Tuttavia, la nostra ricerca in incognito di vie di fuga trapela dal movimento dardeggiante dei nostri occhi. Gli occhi che dardeggiano da una parte all'altra sono in realtà la mente che cerca una via di fuga.

Se vedete una persona che fa così durante una conversazione, significa che o trova la conversazione noiosa o che qualcosa che avete appena detto lo ha fatto sentire insicuro.

Si fa anche quando una persona non capisce cosa viene detto e accede al sistema di rappresentazione uditiva del cervello.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.