L'ossessione per i personaggi di fantasia è un disturbo?

 L'ossessione per i personaggi di fantasia è un disturbo?

Thomas Sullivan

Quando guardate una partita in TV, avete notato che alcuni spettatori gridano ai giocatori?

"Fai il passaggio, idiota".

"Questa volta devi fare il fuoricampo, forza!".

Pensavo che queste persone fossero sciocche e che non avrei mai potuto fare una cosa del genere. Con mio grande sgomento, mi sono sorpreso a comportarmi in modo simile mentre guardavo i film.

Questo accade perché il nostro cervello non è in grado di distinguere tra la vita reale e ciò che vediamo sullo schermo. Ha senso perché il nostro cervello si è evoluto quando non c'erano i mass media.

Solo dopo Se inconsciamente urliamo contro un giocatore, la nostra mente cosciente interviene e ci fa capire quanto siamo stati sciocchi.

Questo fenomeno è un esempio di interazione parasociale. Le interazioni parasociali ripetute possono portare a relazioni parasociali. In queste relazioni finte e unilaterali, gli spettatori credono di avere un rapporto personale con le persone che vedono sullo schermo.

Almeno i calciatori e le altre celebrità sono persone reali che si possono incontrare un giorno, se si è fortunati. Ma le persone formano anche relazioni parasociali con personaggi di fantasia.

Questo è intrigante perché il cervello non sembra preoccuparsi del fatto che ci siano zero possibilità di incontrare queste persone.

Le relazioni parasociali possono essere di due tipi:

  1. Basato sull'identificazione
  2. Relazionale

1. Relazioni parasociali basate sull'identificazione

I consumatori di media formano relazioni parasociali basate sull'identificazione quando cercano di identificarsi con un personaggio che piace loro. I personaggi di fantasia sono fatti per essere simpatici. Tendono ad avere i tratti e le qualità che cerchiamo in noi stessi. Sembrano vivere le vite che vorremmo vivere.

L'identificazione con questi personaggi permette alle persone, soprattutto a quelle con scarsa autostima, di "assorbire" questi tratti in se stesse, aiutandole ad avvicinarsi al loro io ideale.

Avrete notato che quando guardate un personaggio che vi piace, tendete a comportarvi come lui. Riprendete inconsciamente i suoi modi di fare. L'effetto è di solito temporaneo. Poi vi imbattete in un nuovo personaggio preferito e lo copiate.

Poiché l'effetto di questo "furto di personalità" è temporaneo, alcune persone guardano uno spettacolo più volte per mantenere la loro nuova personalità. Questo può facilmente portare alla dipendenza dai media.2

Non c'è nulla di male nell'ammirare i personaggi di fantasia e nel considerarli come modelli di riferimento: da loro impariamo molto e possono plasmare la nostra personalità in modo positivo. In effetti, tutti noi prendiamo pezzi da diversi personaggi per costruire la nostra personalità.3

Quando si diventa troppo ossessionati da un singolo personaggio, tuttavia, questo potrebbe indicare un problema. Potrebbe segnalare che il senso di sé è troppo debole per fare affidamento sul proprio "io". Probabilmente si sta usando un personaggio di fantasia come stampella per la propria personalità.

I bambini e gli adolescenti hanno un senso di sé debole, quindi sono molto più propensi ad ossessionarsi con i personaggi di fantasia: devono avere quel vestito di Batman e quelle statuette di Superman perché stanno ancora cercando di costruire la loro identità.4

Quando gli adulti si comportano così, appaiono infantili, sciocchi e con un debole senso di sé.

2. Relazioni parasociali

Si tratta di relazioni parasociali in cui un consumatore di media crede di avere una relazione sentimentale con un personaggio di fantasia. La fictiofilia è definita come un "forte e duraturo sentimento di amore o desiderio per un personaggio di fantasia".

Si tratta di un aspetto più esterno rispetto all'identificazione con questi personaggi, cosa che facciamo tutti in qualche misura.

Perché una persona dovrebbe innamorarsi di un personaggio di fantasia?

Per il cervello, i mass media sono solo un altro modo di interagire con le persone. Un obiettivo centrale dell'interazione sociale è la ricerca di potenziali compagni. Poiché i personaggi di fantasia tendono ad avere tratti desiderabili, questi sono spesso tratti che le persone cercano nei potenziali compagni.

Per questo motivo, si innamorano di questi personaggi che sembrano perfetti. Naturalmente, sono fatti per sembrare perfetti. I tratti meravigliosi di questi personaggi di fantasia sono spesso esagerati.

Gli esseri umani sono complessi e raramente rientrano nelle categorie ristrette di buoni e cattivi.

Guarda anche: Perché sogniamo ad occhi aperti (spiegazione)

Quello che ho scoperto nel corso degli anni è che la spazzatura mainstream che la maggior parte delle persone ama consumare presenta un'immagine molto semplicistica della psiche umana.

Da tempo mi sono orientato verso la visione di film non mainstream e non me ne sono pentito: questo tipo di film cattura le molteplici sfumature della psiche umana, le complessità, le contraddizioni e i dilemmi morali che ne derivano.

Pro e contro dell'ossessione per i personaggi di fantasia

Il vantaggio di innamorarsi di un personaggio di fantasia è che vi offre una finestra sulla vostra mente e vi dice quali sono i tratti e le qualità che cercate in un potenziale partner.

Ma poiché i tratti positivi di questi personaggi sono esagerati, è probabile che si rimanga delusi quando le persone nel mondo reale non corrispondono alle proprie aspettative.

Alcune persone stringono relazioni romantiche con personaggi di fantasia come sostituto delle relazioni reali, probabilmente a causa della solitudine, dell'ansia sociale o dell'insoddisfazione per le loro relazioni reali.

La cosa da sapere è che il cervello non può essere ingannato a lungo. Alla fine, la mente cosciente si rende conto che una relazione con una persona che non esiste non è possibile. Accorgersi di questa discrepanza tra realtà e fantasia può causare un forte disagio.

Potete trovare molte domande simili nei forum pubblici.

È più facile essere ossessionati da un personaggio di fantasia e innamorarsene: a differenza delle persone del mondo reale, che sono più riservate, è più facile conoscere i personaggi di fantasia.

Inoltre, poiché la relazione è unilaterale, non si deve affrontare il rifiuto che è comune nel mondo reale.5

Non dovete affrontare le complessità della natura umana.

Le relazioni parasociali non sono soddisfacenti come quelle del mondo reale, che richiedono lavoro per essere costruite e raccolgono maggiori frutti.

L'ossessione per un personaggio di fantasia potrebbe anche essere un modo per dimostrare al mondo di essere una persona di alto valore. La logica è la seguente:

"Sono innamoratissima di questa persona super desiderabile, credo che abbiamo una relazione sentimentale. Siccome le relazioni sono a due facce, anche lei deve aver scelto me, quindi anch'io sono super desiderabile".

Si noti che la persona potrebbe non essere consapevole che questa logica inconscia sta guidando il suo comportamento.

Le persone che credono di non essere desiderabili sono più propense a usare questa logica per presentarsi come tali.

Difficilmente si vedono persone super desiderabili che formano relazioni parasociali perché sanno di poter attrarre persone super desiderabili nel mondo reale.

L'ossessione per i personaggi di fantasia è un disturbo?

Risposta breve: no.

La fictiofilia non è un disturbo ufficialmente riconosciuto. Il motivo principale è che la maggior parte delle persone instaura relazioni parasociali sane: impara dai propri personaggi preferiti, li ammira, ne assimila i tratti e va avanti con la propria vita.6

L'ossessione per i personaggi di fantasia è un fenomeno raro.

Se le vostre relazioni parasociali non compromettono la vostra vita normale e non vi causano sofferenza, non avete motivo di preoccuparvi. È sempre bene sapere perché facciamo quello che facciamo.

Tenete presente la differenza tra ammirazione e ossessione: quando ammirate qualcuno, state comunicando:

"Sono così grandiosi che voglio e credo di poter essere come loro".

Il senso di sé rimane intatto.

Quando si diventa ossessionati da qualcuno, si perde il proprio "io" per quella persona. Si crea un muro tra noi e lui che non può essere scavalcato. Si comunica:

Guarda anche: Perché mio marito mi odia? 14 motivi

"Sono così grandi, io non potrò mai essere come loro, quindi mi scaricherò per diventare come loro".

Riferimenti

  1. Derrick, J. L., Gabriel, S., & Tippin, B. (2008). Relazioni parasociali e autodiscrepanze: le relazioni finte hanno benefici per gli individui con bassa autostima. Relazioni personali , 15 (2), 261-280.
  2. Liebers, N., & Schramm, H. (2019). Interazioni parasociali e relazioni con i personaggi dei media: un inventario di 60 anni di ricerca. Tendenze della ricerca sulla comunicazione , 38 (2), 4-31.
  3. Kaufman, G. F., & Libby, L. K. (2012). Cambiare le convinzioni e i comportamenti attraverso l'assunzione di esperienze. Rivista di psicologia sociale e della personalità , 103 (1), 1.
  4. Lind, A. (2015). Il ruolo delle narrazioni di fantasia nella formazione dell'identità degli adolescenti: un'esplorazione teorica.
  5. Shedlosky-Shoemaker, R., Costabile, K. A., & Arkin, R. M. (2014). Espansione del sé attraverso personaggi di fantasia. Sé e identità , 13 (5), 556-578.
  6. Stever, G. S. (2017). Teoria evolutiva e reazioni ai mass media: comprendere l'attaccamento parasociale. Psicologia della cultura mediatica popolare , 6 (2), 95.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.