L'effetto placebo in psicologia

 L'effetto placebo in psicologia

Thomas Sullivan

Questo articolo cerca di spiegare il famoso effetto placebo in psicologia, facendo luce sul suo contesto storico.

Dopo avervi visitato per un po', il medico vi dà delle pillole luminose e vi chiede di prenderle ogni giorno dopo i pasti.

Dice con sicurezza che in una settimana o poco più sarete assolutamente a posto e vi chiede di informarlo quando tornerete in rosa della vostra salute.

Dopo una settimana, la malattia è scomparsa e siete perfettamente in salute. Chiamate il medico e gli dite che avete preso le pillole come prescritto: "Le pillole hanno funzionato! Grazie".

"D'accordo, non si preoccupi, erano solo pillole di zucchero", dice il dottore, trasformando la sua euforia e la sua gratitudine in uno shock incredulo.

Questo strano fenomeno è noto come effetto placebo.

La mente influenza il corpo

L'effetto placebo è un fenomeno ampiamente riconosciuto nel campo della medicina. Studi su studi hanno confermato che funziona. Non sappiamo come funziona esattamente, ma questo non ha impedito ai medici di usarlo per aiutare i loro pazienti.

La spiegazione più probabile è che la semplice convinzione che un particolare intervento medico funzioni cambi la chimica del nostro cervello, producendo sostanze chimiche che alleviano i sintomi.

Quando si fa esercizio fisico, ad esempio, si sottopone il corpo a uno stress, facendogli sopportare il dolore. Il corpo rilascia poi sostanze chimiche antidolorifiche chiamate endorfine che fanno sentire bene dopo una sessione di esercizio.

È probabile che meccanismi simili siano in gioco quando, ad esempio, si cerca il sostegno sociale di fronte a un trauma o a una tragedia. Cercare il sostegno sociale in queste situazioni fa sentire meglio e aiuta ad affrontare la situazione.

Guarda anche: Perché continuo a sognare la mia cotta?

Allo stesso modo, nell'effetto placebo, quando si è convinti che un intervento medico funzioni, la convinzione probabilmente attiva i processi naturali di guarigione del corpo.

Esempi di effetto placebo

Nel 1993, J.B. Moseley, un chirurgo ortopedico, ebbe dei dubbi sulla chirurgia artroscopica che eseguiva per risolvere il dolore al ginocchio. Si tratta di una procedura guidata da una minuscola telecamera che vede all'interno del ginocchio e il chirurgo rimuove o liscia la cartilagine.

Decise di condurre uno studio e divise i suoi pazienti in tre gruppi. Un gruppo ricevette il trattamento standard: anestetico, tre incisioni, inserimento di cannocchiali, rimozione della cartilagine e lavaggio del ginocchio con 10 litri di soluzione fisiologica.

Il secondo gruppo è stato sottoposto ad anestesia, tre incisioni, inserimento di cannocchiali e 10 litri di soluzione fisiologica, ma non è stata rimossa la cartilagine.

Il trattamento del terzo gruppo aveva l'aspetto esteriore degli altri due trattamenti (anestesia, incisioni, ecc.) e la procedura richiedeva lo stesso tempo; ma non venivano inseriti strumenti nel ginocchio. Questo era il gruppo placebo.

È stato riscontrato che il gruppo placebo, così come gli altri gruppi, hanno recuperato il dolore al ginocchio in egual misura!

Nel gruppo placebo c'erano pazienti che avevano bisogno di bastoni prima di essere sottoposti all'intervento sham, ma dopo l'intervento non ne hanno più avuto bisogno e un nonno ha persino iniziato a giocare a basket con i nipoti.

Tornando indietro al 1952, abbiamo il caso più bizzarro di effetto placebo mai documentato... Il medico si chiamava Albert Mason e lavorava come anestesista all'ospedale Queen Victoria in Gran Bretagna.

Un giorno, mentre stava per fare un'anestesia, venne portato in sala un ragazzo di 15 anni che aveva milioni di verruche (piccoli punti neri che rendono la pelle simile a un elefante) sulle braccia e sulle gambe.

Il chirurgo plastico per cui lavorava Albert Mason stava cercando di trapiantare la pelle del petto del ragazzo, che non aveva queste verruche, sulle sue mani, peggiorando di fatto le mani del ragazzo e il chirurgo era piuttosto disgustato di se stesso.

Guarda anche: Cosa fa arrabbiare un sociopatico? 5 modi per vincere

Allora Mason disse al chirurgo: "Perché non lo tratta con l'ipnosi?" A quel tempo era noto che l'ipnosi poteva far sparire le verruche e lo stesso Mason le aveva rimosse con successo diverse volte usando l'ipnosi.

Il chirurgo guardò Mason con pietà e disse: "Perché non lo fai tu?" Mason portò immediatamente il ragazzo fuori dalla sala operatoria ed eseguì l'ipnosi sul ragazzo, dandogli la suggestione, Le verruche cadranno dal braccio destro e crescerà una nuova pelle morbida e normale". .

Lo mandò via e gli disse di tornare tra una settimana. Quando il ragazzo tornò fu chiaro che la seduta di ipnosi aveva funzionato. Anzi, il cambiamento fu sorprendente. Mason si precipitò dal chirurgo per mostrargli i risultati.

Il chirurgo era impegnato a operare un paziente e così Mason si mise fuori e sollevò entrambe le braccia del ragazzo per mostrare la differenza. Il chirurgo sbirciò le braccia attraverso la porta di vetro, consegnò il coltello al suo assistente e si precipitò fuori.

Mason disse: "Ti ho detto che le verruche vanno" e il chirurgo replicò: "Non sono verruche, è eritrodermia ittiosiforme congenita di Brocq. È nato con questa malattia ed è incurabile!".

Quando Mason pubblicò questo incredibile evento di guarigione sul British Medical Journal, si scatenò un putiferio.

Molti pazienti affetti da questa patologia cutanea congenita si rivolgono al dottor Mason nella speranza di guarire.

Albert Mason non fu mai più in grado di ripetere quel primo incredibile successo e ne conosceva il motivo. Ecco come lo spiega con le sue parole...

"Ora sapevo che era incurabile. Prima pensavo che fossero verruche. Avevo la convinzione di poter curare le verruche. Dopo quel primo caso, ho agito. Sapevo che non aveva il diritto di guarire.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.