9 Sintomi di BPD nelle donne

 9 Sintomi di BPD nelle donne

Thomas Sullivan

Sia negli uomini che nelle donne, il Disturbo Borderline di Personalità (BPD) presenta i seguenti sintomi:

  • Impulsività
  • Sensazione cronica di vuoto
  • Autolesionismo
  • Elevata sensibilità di reiezione
  • Immagine di sé instabile
  • Paura dell'abbandono
  • Instabilità emotiva
  • Esplosioni di rabbia
  • Ansia da separazione
  • Pensieri paranoici

Gli uomini e le donne con sintomi di BPD presentano più somiglianze che differenze, ma esistono alcune differenze importanti, che riguardano soprattutto la grado a cui alcuni dei sintomi sopra descritti sono presenti sia negli uomini che nelle donne.

Guarda anche: Quiz "Sono ancora innamorato?

La maggior parte di queste differenze deriva dalla diversa natura degli uomini e delle donne e, poiché gli uomini e le donne sono diversi per alcuni aspetti, queste differenze si riflettono nei sintomi del BPD.

Sintomi di BPD nelle donne

1. Emozioni intense

Le persone altamente sensibili hanno maggiori probabilità di manifestare emozioni intense nel BPD. Sentono le emozioni in modo più profondo e intenso. Le emozioni tendono ad avere su di loro un impatto più appiccicoso e duraturo.

Poiché le donne tendono a essere più sensibili degli uomini in generale, nel BPD tendono a provare emozioni più intense.

2. Ansia

Le minacce di abbandono, reali o percepite, scatenano l'ansia da separazione nelle persone con BPD. Le persone con BPD sono ipervigili agli indizi di abbandono. È probabile che interpretino erroneamente eventi neutri (X e Y) come:

"X significa che mi abbandoneranno".

Guarda anche: Fallire il poligrafo quando si dice la verità

"Mi hanno abbandonato facendo Y".

Poiché le donne tendono ad avere un bisogno più forte di legarsi agli altri, l'ansia da abbandono reale o percepito può essere particolarmente dannosa per le donne.

3. PTSD

Le donne con BPD hanno maggiori probabilità di riferire di aver subito in passato abusi fisici o sessuali rispetto agli uomini.1 Quindi, è più probabile che manifestino i sintomi tipici del Disturbo Post-Traumatico da Stress, come ad esempio:

  • Flashback e incubi sull'evento traumatico
  • Negatività e mancanza di speranza
  • Comportamento autodistruttivo

4. Disturbi alimentari

Le donne con BPD hanno più probabilità degli uomini di avere disturbi alimentari come:

  • Anoressia nervosa
  • Bulimia nervosa
  • Abbuffate

Gli uomini e le donne con BPD tendono ad avere un senso di vergogna interiorizzato, una visione negativa di sé, per cui è probabile che si sabotino e si abbandonino a comportamenti che distruggono la loro immagine e la loro autostima.

L'aspetto fisico delle donne tende ad essere una grande fonte di autostima. Per questo motivo, esse mangiano troppo o non mangiano affatto per distruggere la loro immagine.

Per gli uomini, la loro intraprendenza (la carriera) tende ad essere una grande fonte di autostima e quindi, per sabotarsi, potrebbero perdere di proposito il lavoro.2

5. Riconoscere le espressioni facciali

Sebbene un trauma passato possa trasformare sia uomini che donne in buoni lettori della comunicazione non verbale, le donne con BPD, in particolare, sono brave a riconoscere le espressioni facciali.3

6. Disturbo dell'identità

Le ricerche hanno dimostrato che le donne con BPD sono più propense degli uomini ad avere un senso di sé instabile.

Questo può essere dovuto al fatto che l'abuso fisico e sessuale crea un forte senso di vergogna interiorizzato che può essere difficile da superare e che crea una notevole resistenza alla costruzione di un'immagine positiva di sé rispetto a quando la vergogna interiorizzata è più debole o inesistente.

7. Nevroticismo

Le donne con BPD tendono a ottenere punteggi più alti di nevroticismo rispetto agli uomini.4 Questo è vero anche per le donne in generale e si riduce a differenze di genere tra uomini e donne.

8. Disturbo delle relazioni

Le donne con BPD sperimentano una maggiore ostilità e interruzione delle relazioni rispetto agli uomini.4

È probabile che taglino le persone dalla loro vita.

Anche in questo caso, ciò deriva probabilmente dalla maggiore necessità delle donne di essere prosociali e di avere una vita sociale ricca. Più ricca è la vita sociale, più è probabile che si verifichino interruzioni se si soffre di BPD.

9. Comportamento spaventato/disorientato

Alcuni studi hanno dimostrato che le madri con BPD mostrano un comportamento spaventato o disorientato nei confronti dei loro bambini.

Che cosa significa?

I comportamenti spaventati includono "chiedere il permesso al bambino" o "esitare a tenerlo in braccio".

I comportamenti disorientati o disorganizzati includono "movimenti frenetici verso il bambino", "cambiamenti improvvisi e insoliti nel tono di voce" o "mancato conforto del bambino".

Questi comportamenti possono ridurre la reattività della madre e provocare un trauma da attaccamento nel bambino.

Riferimenti

  1. Johnson, D. M., Shea, M. T., Yen, S., Battle, C. L., Zlotnick, C., Sanislow, C. A., ... & Zanarini, M. C. (2003). Differenze di genere nel disturbo borderline di personalità: risultati del Collaborative Longitudinal Personality Disorders Study. Psichiatria completa , 44 (4), 284-292.
  2. Sansone, R. A., Lam, C., & Wiederman, M. W. (2010). Comportamenti autolesionistici nella personalità borderline: un'analisi per genere. Giornale delle malattie nervose e mentali , 198 (12), 914-915.
  3. Wagner, A. W., & Linehan, M. M. (1999). Capacità di riconoscimento delle espressioni facciali tra le donne con disturbo borderline di personalità: implicazioni per la regolazione delle emozioni? Rivista dei disturbi di personalità , 13 (4), 329-344.
  4. Banzhaf, A., Ritter, K., Merkl, A., Schulte-Herbrüggen, O., Lammers, C. H., & Roepke, S. (2012). Differenze di genere in un campione clinico di pazienti con disturbo borderline di personalità. Rivista dei disturbi di personalità , 26 (3), 368-380.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.