Qual è l'obiettivo dell'aggressione?

 Qual è l'obiettivo dell'aggressione?

Thomas Sullivan

L'aggressività è un comportamento inteso Il danno può essere fisico o psicologico.

In questo caso, la parola chiave è "intenzionale", perché un danno non intenzionale non è un'aggressione. Ad esempio, un danno accidentale come colpire qualcuno con la propria auto non è un'aggressione, mentre un pugno lo è sicuramente.

La questione diventa confusa e controversa quando si parla dei diversi tipi di aggressione.

Tipi di aggressione

1. Aggressività impulsiva/emotiva

Si tratta di atti aggressivi compiuti nella foga del momento, di solito in risposta a un'emozione forte come la rabbia o la paura. Per esempio, schiaffeggiare qualcuno che fa una battuta su vostra moglie.

2. Aggressività strumentale

Si tratta di atti di aggressione ben pianificati per ottenere un beneficio, come ad esempio minacciare qualcuno di subire gravi conseguenze se non si adegua.

L'aggressione strumentale è guidata principalmente dal potenziale vantaggio dell'aggressore, non necessariamente dall'intento di causare danni. Ma l'intento di causare danni c'è. L'aggressore sa benissimo che ciò che ha intenzione di fare danneggerà la vittima.

L'aggressività emotiva è intenzionale?

È difficile da dire. Ci si aspetta che abbiamo il controllo delle nostre emozioni. Se ci arrabbiamo e aggrediamo qualcuno, è colpa nostra che non controlliamo la rabbia.

Ma le persone tendono a perdonare le aggressioni emotive con conseguenze non troppo gravi. Scusarsi e dire qualcosa come "l'ho detto per rabbia" di solito funziona. Le persone capiscono che quando le emozioni prendono il sopravvento su di noi, perdiamo il controllo.

L'aggressività emotiva è intenzionale in quel momento. Quando ci si arrabbia e si sta per colpire qualcuno, lo si vuole colpire in quel momento. Ci si può pentire in seguito e chiedere scusa, ma l'intenzione di fare del male è presente in quella frazione di secondo.

Aggressione non fisica

Quando pensiamo all'aggressione fisica (violenza) pensiamo in genere all'aggressione, ma l'aggressione può anche essere non fisica o psicologica. Si può non fare del male fisico a qualcuno, ma si può comunque causare un danno significativo con le proprie parole e azioni.

Esempi di aggressione non fisica:

  • Urlare
  • Beffardo
  • Diffusione di voci
  • Pettegolezzi
  • Criticare
  • Ostracizzazione
  • Vergogna

L'obiettivo dell'aggressione

Perché qualcuno dovrebbe voler fare del male agli altri?

Le ragioni sono molteplici, ma tutte ruotano attorno all'interesse personale: si fa del male agli altri per motivi egoistici, per ottenere qualcosa.

L'aggressività è un mezzo per risolvere un conflitto nel percorso di raggiungimento dei propri obiettivi. Dove c'è un conflitto, c'è un conflitto di interessi.

Quali sono gli obiettivi delle persone?

In apparenza può sembrare che le persone abbiano obiettivi molto diversi, ma quasi tutti gli obiettivi umani si riducono a quelli che condividiamo con gli altri animali: la sopravvivenza e la riproduzione.

Guarda anche: Il potere dell'abitudine e la storia di Pepsodent

Le persone si comportano in modo aggressivo per migliorare la loro sopravvivenza e la loro riproduzione: competono per le risorse che aumentano le loro possibilità di sopravvivenza e di riproduzione, come il cibo, il territorio e i compagni.

L'obiettivo dell'aggressione è rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla sopravvivenza e alla riproduzione.

Livelli di aggressività

Come per gli altri animali, l'aggressività umana si manifesta a diversi livelli.

1. Livello individuale

In ultima analisi, tutto dipende dall'individuo. Tutto ciò che un individuo fa è per il suo bene. Siamo geneticamente programmati per badare prima di tutto a noi stessi per motivi di sopravvivenza.

Se sopravviviamo, possiamo trasmettere il nostro codice genetico puro alla generazione futura.

Guarda anche: Cosa fa arrabbiare un sociopatico? 5 modi per vincere

Non importa quanto siate vicini a qualcuno; se si trattasse di una situazione di vita o di morte e doveste scegliere tra voi e qualcun altro, sappiamo chi scegliereste.

Esempi di azioni aggressive per proteggere il proprio interesse personale sono:

  • Parlare male del collega che sta per ottenere una promozione al posto vostro.
  • Escludere un fratello dall'eredità dei genitori.
  • Minacciare la persona che flirta con il vostro partner romantico.

2. Livello Kin

Siamo portati a prenderci cura dei nostri parenti genetici più stretti perché hanno alcuni dei nostri geni. Con loro abbiamo rapporti di reciproco beneficio. Se siete in difficoltà, i vostri familiari sono le prime persone a cui vi rivolgereste.

Invece di aiutare un estraneo, la maggior parte delle persone preferirebbe aiutare un membro della famiglia. Aiutando i membri della famiglia e aumentando le loro probabilità di sopravvivere e riprodursi, aiutiamo i nostri geni. L'interesse personale. Di nuovo.

La famiglia, in quanto unità, compete con altre famiglie per le risorse che favoriscono la sopravvivenza e la riproduzione. Di conseguenza, le famiglie commettono atti aggressivi nei confronti di altre famiglie. Le faide familiari e le vendette di sangue sono comuni in molte parti del mondo.

3. Livello comunitario

Dall'esplosione della popolazione umana, gli esseri umani vivono in vaste comunità, che sono essenzialmente famiglie allargate legate da una razza, una storia, una lingua o un'ideologia comuni.

Le comunità e i Paesi lottano tra loro per le stesse cose: la sopravvivenza e l'aumento delle risorse per la riproduzione.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.