Perché mi sento un peso?

 Perché mi sento un peso?

Thomas Sullivan

Gli esseri umani sono specie sociali che hanno la reciprocità radicata nella loro psiche. La maggior parte delle persone vuole contribuire alla società in cui vive perché così facendo si eleva agli occhi degli altri, aumentando così la propria autostima.

Una società in cui i membri contribuiscono l'uno all'altro sopravvive e prospera, a vantaggio di ciascun membro, e aumenta la coesione del gruppo.

Gli esseri umani sono predisposti ad aumentare la coesione del loro gruppo sociale e vogliono contribuire e beneficiare del contributo degli altri.

Questo contributo o altruismo deve però essere bilanciato con l'egoismo: la propria sopravvivenza e riproduzione sono di primaria importanza. Quando i bisogni egoistici sono soddisfatti, gli individui preferiscono aiutare i loro parenti.

Aiutare i propri parenti geneticamente stretti significa aiutare i propri geni, dopodiché gli individui si preoccupano di aiutare la comunità più ampia.

Cosa rende qualcuno un peso?

In tutte le relazioni umane esiste un certo grado di reciprocità: gli esseri umani non vogliono aiutare se non sono aiutati.

Quando riceviamo più di quanto diamo, ci sentiamo un peso per gli altri che ci danno più di quanto ricevono da noi. Ci sentiamo un peso perché il principio di reciprocità viene violato.

Qualsiasi situazione in cui prendiamo dagli altri più di quanto meritiamo o sosteniamo costi inutili per loro può generare la sensazione di essere un peso. Le persone possono sentire di essere un peso per i loro familiari:

  • Famiglia
  • Partner
  • Gli amici
  • Società
  • Collaboratori

Alcune persone hanno la sensazione di essere un peso per tutti coloro che le circondano, di dipendere eccessivamente da chi le circonda.

I motivi specifici per cui ci si sente un peso sono

Guarda anche: Come svegliarsi presto senza sveglia
  • Dipendere finanziariamente da altri
  • Essere emotivamente dipendenti dagli altri
  • Soffrono di problemi di salute mentale
  • Scaricare i propri problemi sugli altri
  • Deludere gli altri
  • Far vergognare gli altri
  • Essere bloccati da una cattiva abitudine (dipendenza)

Tutti abbiamo bisogno di cure e sostegno da parte dei nostri cari, ma arriva un momento in cui il nostro bisogno di sostegno supera il limite e viola la reciprocità.

Finché li sosteniamo a nostra volta, non ci sentiamo un peso; quando invece cerchiamo solo il loro sostegno senza ricambiarlo, ci sentiamo un peso.

Sentirsi un peso porta a sentimenti di colpa, inutilità e vergogna.

Queste emozioni negative ci spingono a smettere di violare la reciprocità e a riequilibrare le nostre relazioni.

C'è una sottile differenza tra il sentirsi un peso senza esserlo davvero e il sentirsi un peso perché si è sono essere un peso.

Nel primo caso, la sensazione di essere un peso potrebbe essere tutta nella vostra testa: potreste pensare di violare la reciprocità, ma l'aiutante è contento di aiutarvi perché gli piacete o perché ci tiene a mantenere un rapporto con voi.

Sensazione di essere un peso e suicidalità

Cosa fa una società che vuole sopravvivere e prosperare con i suoi membri non produttivi? Se questi membri non contribuiscono sono imbroglioni, cioè prendono senza dare nulla, la società li punisce.

Se questi membri che non contribuiscono vogliono dare ma non possono, la società non può punirli. Sarebbe un'ingiustizia. Ma sono comunque un peso per la società. Quindi l'evoluzione ha dovuto trovare un modo per farli eliminare.

Sentirsi un peso può quindi portare all'ideazione suicida. Se non si contribuisce in alcun modo al gruppo, si sprecano le risorse del gruppo stesso, risorse che gli altri membri potrebbero impiegare per sopravvivere e prosperare2.

La persona che si sente un peso e medita il suicidio tende a pensare che gli altri potrebbero stare meglio se ponesse fine alla propria vita.

Alcuni gruppi della società sono particolarmente vulnerabili a sentirsi un peso, come ad esempio:

  • Gli anziani
  • Persone con disabilità
  • Persone con una malattia terminale

Alcuni studi hanno dimostrato che quando le persone con una malattia avanzata si sentono un peso, esprimono il desiderio di affrettare la morte3.

Come smettere di sentirsi un peso

Sentirsi un peso è segno di un'elevata intelligenza sociale: state violando la reciprocità e sostenendo dei costi per gli altri. Siete abbastanza sensibili e premurosi nei loro confronti da non essere un peso.

Probabilmente anche loro vi vedono come un peso, ma hanno abbastanza grazia sociale per non dirvelo.

Allo stesso tempo, sentirsi un peso può avere drastiche conseguenze negative: quando si ha la sensazione che la propria esistenza sia un peso per gli altri, si vede la cessazione dell'esistenza come un'opzione praticabile.

Il modo migliore per smettere di sentirsi un peso è ripristinare il senso di reciprocità.

La mente ha un pregiudizio di disponibilità, cioè tende a concentrarsi maggiormente su ciò che sta accadendo ora, ignorando ciò che è accaduto o che potrebbe accadere.

Il fatto che ora siate dipendenti da loro non significa che lo siate sempre stati. Se riuscite a ricordare le volte in cui li avete aiutati, vi aiuterà a ripristinare la reciprocità.4

Allo stesso modo, una volta smesso di dipendere da loro, si può sempre restituire il favore in futuro.

Se siete anziani o malati, sono sicuro che ci sono modi in cui potete ancora contribuire e sentirvi degni. Potreste condividere la vostra saggezza, per esempio. Anche fare una conversazione cordiale con qualcuno è un contributo.

Guarda anche: Scala depressiva di Zung

Ci sono innumerevoli esempi di persone che sono riuscite a dare un contributo al mondo nonostante la loro disabilità: mi vengono in mente Stephen Hawking e Helen Keller.

Se vi siete presi cura dei vostri cari quando erano malati, non state violando la reciprocità: loro dovrebbero aiutarvi senza che vi sentiate un peso.

Il punto è che è facile farsi ingannare dalla nostra programmazione evolutiva e pensare di non poter contribuire e di essere un peso per gli altri.

Prestate attenzione a coloro che nella vostra cerchia si sentono un peso e aiutateli a vedere la luce. Potreste salvare una vita.

Riferimenti

  1. Gorvin, L., & Brown, D. (2012). La psicologia del sentirsi un peso: una revisione della letteratura. Rassegna di psicologia sociale , 14 (1), 28-41.
  2. Van Orden, K. A., Lynam, M. E., Hollar, D., & Joiner, T. E. (2006). L'onerosità percepita come indicatore di sintomi suicidari. Terapia cognitiva e ricerca , 30 (4), 457-467.
  3. Rodríguez-Prat, A., Balaguer, A., Crespo, I., & Monforte-Royo, C. (2019). La sensazione di essere un peso per gli altri e il desiderio di accelerare la morte nei pazienti con malattia avanzata: una revisione sistematica. Bioetica , 33 (4), 411-420.
  4. McPherson, C. J., Wilson, K. G., Chyurlia, L., & Leclerc, C. (2010). L'equilibrio tra il dare e l'avere nelle relazioni caregiver-partner: un esame del carico auto-percepito, dell'equità relazionale e della qualità della vita dal punto di vista di chi riceve assistenza dopo un ictus. Psicologia della riabilitazione , 55 (2), 194.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.