Le donne sono più sensibili al tatto degli uomini?

 Le donne sono più sensibili al tatto degli uomini?

Thomas Sullivan

Questo articolo risponderà alla domanda: le donne sono più sensibili al tatto? Ma prima, voglio che guardiate il seguente scenario:

Mike stava discutendo con la sua ragazza Rita. Nel bel mezzo di un odioso scambio di parole, Rita decise che ne aveva abbastanza e si girò per andarsene.

Mike le afferrò il braccio, nel tentativo di impedirle di andarsene, volendo continuare l'alterco. Fu proprio in quell'istante che Rita si tirò indietro e gridò con rabbia: "Non toccarmi!".

Ora, la mia domanda è questa: se fosse stato Mike a cercare di andarsene e Rita glielo avesse impedito, avrebbe detto la stessa cosa?

Perché non sentiamo mai gli uomini dire "Non toccarmi" alle loro partner femminili in una relazione quando sono arrabbiati o tagliati emotivamente con loro?

La risposta breve è: per gli uomini non ha importanza. Gli uomini non si preoccupano di toccare e di toccarsi come fanno le donne nelle relazioni.

Donne e tatto

Il motivo per cui le donne attribuiscono un'enorme importanza al tatto nelle relazioni di coppia è che considerano il tatto come una parte cruciale del legame. Danno più importanza alle coccole con i loro uomini, amici e bambini.

Questo è evidente nei gesti di saluto tipici delle donne con i loro amici dello stesso sesso: stringono la mano, abbracciano e baciano i loro migliori amici. Guardate le foto che le donne caricano sui social media con i loro amici: vedrete spesso che sono molto vicini l'uno all'altro, si tengono stretti, si coccolano e a volte si baciano, se non fanno il broncio.

Se gli uomini caricassero una foto del genere con i loro amici maschi, in cui si coccolano e si abbracciano, tutti si sentirebbero a disagio. Gli uomini eterosessuali evitano di toccare i loro amici maschi in modo "inappropriato" e sia gli uomini che le donne mostrano un atteggiamento ripugnante nei confronti di coloro che lo fanno, spesso sospettandoli di essere gay.

Alcuni hanno definito questo fenomeno comune "mancanza di contatto platonico nella vita degli uomini" e incolpano la società per questo comportamento stereotipato. È più probabile che si tratti di una reazione viscerale che non ha nulla a che fare con l'influenza della società, poiché questo comportamento è trasversale alle culture.

La ragione di tutto ciò è che gli uomini non considerano il contatto essenziale per il legame sociale, almeno non quanto le donne, e questo deriva dal fatto che tendono ad avere una minore sensibilità al tatto rispetto alle donne.

È tutto nella pelle

La pelle è l'organo del tatto e se le donne danno più importanza al tatto è logico supporre che la loro sensibilità cutanea sia superiore a quella degli uomini. Alcuni studi hanno rilevato che le donne mostrano una maggiore sensibilità alla pressione sulla pelle in ogni parte del corpo.1A un'analisi al microscopio della pelle delle donne è emerso che esse hanno più recettori nervosi sulla pelle.2

Inoltre, la maggiore sensibilità al tatto delle donne (almeno nelle mani) potrebbe essere dovuta al fatto che tendono ad avere dita più piccole degli uomini.

Guarda anche: Perché ci mancano le persone (e come affrontarle)

Le persone che hanno dita più piccole hanno un senso del tatto più fine e i ricercatori ritengono che ciò sia dovuto al fatto che le dita più piccole hanno probabilmente recettori sensoriali più ravvicinati. Questo, tuttavia, vale anche per gli uomini: gli uomini che hanno dita più piccole (caso raro) hanno una maggiore sensibilità al tatto.3

La semplice osservazione ci dice che la pelle degli uomini tende ad essere più ruvida di quella delle donne, per questo motivo la pelle delle donne si raggrinzisce più facilmente con l'età.

Maggiore sensibilità = maggiore dolore

Se le donne hanno più recettori nervosi sulla pelle, è ovvio che sentano più dolore rispetto agli uomini.

Gli studi hanno costantemente dimostrato che le donne presentano una maggiore sensibilità al dolore, una maggiore facilitazione del dolore e una ridotta inibizione del dolore rispetto agli uomini.4

Ma cosa ci guadagnerebbe, dal punto di vista evolutivo, avere una minore sensibilità al dolore?

Quando la pubertà colpisce gli uomini e il loro corpo si prepara alla "caccia", perdono la maggior parte della loro sensibilità al tatto.5

Gli uomini ancestrali avevano bisogno di corpi desensibilizzati perché si imbattevano in situazioni dolorose più spesso delle donne. Dovevano inseguire le loro prede attraverso cespugli spinosi e combattere con i loro nemici. Non potevano preoccuparsi di provare dolore in tali circostanze. Non potevano lasciare che il dolore li fermasse dal fare ciò che era fondamentale per la loro sopravvivenza.

Molti uomini hanno avuto l'esperienza, di solito da adolescenti, di essere talmente impegnati in un gioco all'aperto da non accorgersi di essersi sbucciati il ginocchio. Non sentono nemmeno il dolore durante l'intera partita, ma solo dopo, quando la loro attenzione viene attirata dal ginocchio sanguinante e sfregiato.

Evoluzione, donne, tatto e legami sociali

Il motivo per cui le donne hanno una maggiore sensibilità al tatto, che facilita il legame sociale, potrebbe essere dovuto al fatto che si sono evolute come assistenti e nutrici naturali.

I bambini umani, a differenza di altri mammiferi, richiedono periodi prolungati di cura e accudimento. La maggiore sensibilità al tatto delle donne garantirebbe che i bambini umani ricevano tutte le cure e l'accudimento extra di cui hanno bisogno, mentre le donne si sentono contemporaneamente bene nel fornirli.

Guarda anche: Persone ipersensibili (10 tratti chiave)

Il contatto fisico con i neonati è fondamentale per il loro sviluppo fisico e psicologico: non solo riduce i livelli di stress della madre e del bambino, ma uno studio condotto su neonati prematuri ha anche dimostrato che i benefici derivanti da un ampio contatto con le madri si sono estesi fino ai primi 10 anni di vita.6

Pertanto, l'importanza che le donne danno al contatto nelle relazioni è probabilmente un'estensione della loro predisposizione a fornire un adeguato contatto pelle-pelle ai loro bambini.

Riferimenti

  1. Moir, A. P., & Jessel, D. (1997). Sesso cerebrale American Society of Plastic Surgeons (2005, 25 ottobre). Uno studio rivela il motivo per cui le donne sono più sensibili al dolore rispetto agli uomini. ScienceDaily Recuperato il 22 luglio 2017 da www.sciencedaily.com/releases/2005/10/051025073319.htm.
  2. Society for Neuroscience (2009, 28 dicembre). Le donne tendono ad avere un miglior senso del tatto grazie alle dimensioni ridotte delle dita. ScienceDaily Recuperato il 22 luglio 2017 da www.sciencedaily.com/releases/2009/12/091215173017.htm.
  3. Bartley, E. J., & Fillingim, R. B. (2013). Differenze di sesso nel dolore: una breve revisione dei risultati clinici e sperimentali. Rivista britannica di anestesia , 111 (1), 52-58.
  4. Pease, A., & Pease, B. (2016). Perché gli uomini non ascoltano e le donne non leggono le mappe: come individuare le differenze nel modo in cui gli uomini e le donne pensano . Hachette UK.
  5. Feldman, R., Rosenthal, Z., & Eidelman, A. I. (2014). Il contatto pelle a pelle materno-pretermine migliora l'organizzazione fisiologica e il controllo cognitivo del bambino nei primi 10 anni di vita. Psichiatria biologica , 75 (1), 56-64.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.