Il linguaggio del corpo nella comunicazione e nello spazio personale

 Il linguaggio del corpo nella comunicazione e nello spazio personale

Thomas Sullivan

Per darvi un'idea del ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione, voglio presentarvi Ahmed.

Ahmed era una persona molto allegra e felice, come quelle che sorridono sempre e che scoppiano in una risata amichevole e si danno il cinque anche per la più piccola delle battute.

Quello che al suo arrivo dà amorevoli pacche sulle spalle a tutti come gesto di saluto e che continuamente tocca, stringe e si china verso le persone durante le conversazioni.

Riesco quasi a percepire il tuo senso di soffocamento e di irritazione mentre cerchi di immaginare Ahmed. Vorresti che Ahmed ti piacesse, ma c'è qualcosa in lui di così fastidioso che vorresti staccargli la testa a morsi.

Sebbene Ahmed faccia del suo meglio per essere gentile e amichevole, sta violando un principio psicologico fondamentale che regola il comfort umano.

Il concetto di territorio o spazio personale

Il territorio o spazio personale, nel linguaggio del corpo della comunicazione, è lo spazio che circonda una persona e che essa rivendica come proprio. Proprio come una persona erige recinzioni o muri intorno alla sua casa per delimitare la sua proprietà, c'è uno spazio invisibile intorno al suo corpo che egli ritiene appartenere a lui e solo a lui.

Quando questo suo spazio personale viene violato, si sente a disagio, minacciato e intimidito, proprio come farebbe una persona se un estraneo entrasse in casa sua senza chiedere il permesso.

Al contrario, se una persona non si sente a disagio quando qualcuno entra nel suo spazio personale, significa che accetta il visitatore, non lo vede come una minaccia, si sente a suo agio in sua presenza o addirittura ne apprezza la compagnia, proprio come farebbe una persona se un parente o un amico stretto visitasse la sua casa.

Ne consegue che la misura in cui la persona A permette alla persona B di entrare nel suo spazio personale è un modo preciso per misurare quanto la prima si senta a suo agio in compagnia della seconda. In termini più semplici, più si permette a qualcuno di entrare nel proprio spazio personale, più ci si sente a proprio agio in sua compagnia.

Guarda anche: Adulti che succhiano il pollice e mettono in bocca gli oggetti

Per farla ancora più semplice, la vicinanza fisica indica anche la vicinanza emotiva, cioè più si avvicina una persona al proprio corpo e più è vicina emotivamente a noi, tranne ovviamente quando si cerca deliberatamente di farle del male durante la lotta, il wrestling o la kick-boxing.

Molti animali hanno anche un proprio territorio che marcano defecando o urinando per dare agli altri animali un chiaro messaggio di non intrusione. È interessante notare che gli animali sembrano avere più rispetto per il vostro spazio personale di quanto gli esseri umani ne abbiano per il vostro.

Guarda anche: 5 passi per superare le sfide

Camminando per strada, avrete notato come cammina un cane o un gatto quando si avvicina a voi dalla direzione opposta. Si muove verso il bordo della strada, il più lontano possibile da voi, fino a incrociarvi e poi torna al centro della strada. Il povero animale fa del suo meglio per non invadere il vostro spazio personale, in modo che non vi sentiate intimiditi.

Anche gli uccelli hanno i loro territori. Quasi tutti hanno avuto la deludente esperienza di voler osservare da vicino un uccello, ma quando ci si avvicina abbastanza, quando si invade il territorio dell'uccello, questo vola via.

Lo scopo del leaning nella comunicazione

Sporgersi verso una persona o allontanarsi da essa è un tentativo di aumentare o diminuire lo spazio tra noi e lei. Quando ci sporgiamo verso una persona, cerchiamo di entrare nel suo spazio personale o la invitiamo nel nostro spazio personale.

In ogni caso, l'emozione che proviamo per quella persona è la stessa: ci piace abbastanza da sentirci a nostro agio nel suo spazio personale o nel permetterle di entrare nel nostro spazio personale. In breve, quando siamo interessati a qualcuno, cerchiamo di ridurre la distanza tra noi e lui.

È per questo che le coppie molto innamorate si vedono sempre protese l'una verso l'altra. Osservando un gruppo di persone si possono facilmente distinguere amici intimi ed estranei osservando le distanze che mantengono tra loro.

Se una donna trova un uomo poco attraente, ma lui continua a flirtare con lei, si allontana e si allontana da lui finché non trova una scusa per andarsene.

L'arretramento può talvolta trasmettere anche pigrizia o apatia, ma l'emozione del disinteresse è sempre presente.

Non solo ci avviciniamo alle persone, ma anche a tutto ciò che suscita il nostro interesse: che si tratti di un discorso che si sta ascoltando, di un programma televisivo che si sta guardando o di una conferenza a cui si sta assistendo, ogni volta che si presenta qualcosa di interessante è probabile che ci si sporga in avanti.

Linguaggio corporeo di inclinazione e rivendicazione territoriale

Alcune persone portano l'apprendimento al livello successivo. toccare Quando le persone si toccano, è il massimo dell'intimità, il livello più alto di comfort che possono provare l'uno con l'altro.

L'abbraccio, ad esempio, non è altro che un tentativo di eliminare completamente qualsiasi spazio letterale o figurato tra due persone.

Ma toccare indica anche qualcos'altro, oltre all'intimità. Quando si tocca qualcosa, soprattutto in presenza di altri, si rivendica anche la proprietà di quella cosa e ci si aspetta che gli altri la rispettino. Si dice non verbalmente agli altri: "Questa cosa è mia, è mia".

Una persona che si fotografa con la propria auto si vede spesso sporgersi verso l'auto e toccarla, con lo scopo di mostrare agli altri che l'auto gli appartiene.

Allo stesso modo, quando un dirigente d'azienda si appoggia alla sedia e mette i piedi sul tavolo, rivendica non verbalmente la proprietà dell'ufficio e dei suoi arredi. Immaginate un assistente seduto in questo modo sulla sedia del suo capo.

Quando il capo se ne accorgerà, si sentirà minacciato, gli si stringerà il cuore e sentirà l'impulso evolutivo di reclamare il proprio territorio.

Volete intimidire qualcuno? Toccate le sue cose senza il suo permesso.

È ingenuo pensare che questo comportamento di "rivendicazione della proprietà" valga per gli oggetti come le automobili e non si estenda anche agli altri esseri umani.

Per quanto odiamo l'oggettivazione degli esseri umani, quando ci appoggiamo pubblicamente a qualcuno o lo abbracciamo, in realtà ne rivendichiamo la proprietà.

Qualcuno potrebbe obiettare che si tratta di intimità, ma spesso si tratta di qualcosa di più: una persona che lo fa sta chiaramente dicendo agli altri: "Questa cosa è mia".

Ahmed era un tipo gentile, ma quando toccava le persone inutilmente, violava il loro spazio personale e, in modo sottile, rivendicava la sua proprietà su di loro. La maggior parte delle persone trova questo fastidio.

Thomas Sullivan

Jeremy Cruz è uno psicologo esperto e autore dedito a svelare le complessità della mente umana. Con una passione per la comprensione delle complessità del comportamento umano, Jeremy è stato attivamente coinvolto nella ricerca e nella pratica per oltre un decennio. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in Psicologia presso una rinomata istituzione, dove si è specializzato in psicologia cognitiva e neuropsicologia.Attraverso la sua vasta ricerca, Jeremy ha sviluppato una profonda conoscenza di vari fenomeni psicologici, tra cui memoria, percezione e processi decisionali. La sua competenza si estende anche al campo della psicopatologia, concentrandosi sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi della salute mentale.La passione di Jeremy per la condivisione della conoscenza lo ha portato a fondare il suo blog, Understanding the Human Mind. Curando una vasta gamma di risorse psicologiche, mira a fornire ai lettori preziose informazioni sulle complessità e le sfumature del comportamento umano. Dagli articoli stimolanti ai suggerimenti pratici, Jeremy offre una piattaforma completa per chiunque cerchi di migliorare la propria comprensione della mente umana.Oltre al suo blog, Jeremy dedica il suo tempo anche all'insegnamento della psicologia in un'importante università, nutrendo le menti di aspiranti psicologi e ricercatori. Il suo stile di insegnamento coinvolgente e l'autentico desiderio di ispirare gli altri lo rendono un professore molto rispettato e ricercato nel settore.I contributi di Jeremy al mondo della psicologia si estendono oltre il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli di ricerca su prestigiose riviste, presentando le sue scoperte a conferenze internazionali e contribuendo allo sviluppo della disciplina. Con la sua forte dedizione a far progredire la nostra comprensione della mente umana, Jeremy Cruz continua a ispirare ed educare lettori, aspiranti psicologi e colleghi ricercatori nel loro viaggio verso il dipanare le complessità della mente.